zucca-1280x720.jpg

20 Novembre 2019by wp_7534263

In questo caldo autunno, la terra continua a regalarci i frutti di novembre e sicuramente ne dobbiamo approfittare.
Dallo scorso mese, la zucca è sempre più presente, con le sue caratteristiche che la rendono ottima al palato e alla vista. Poche calorie per tantissimi ottimi nutrienti! Come consumarla?
I modi sono tanti e il gusto rimane, che sia al forno, alla griglia.
La ricchezza in vitamine, dalla A alla B alla C la rendono alleata della vista, della lotta allo stress, del sistema immunitario, fonte di sostanze antiossidanti. Ci sono le castagne, nella cui composizione non mancano i minerali: potassio (ottimo per sostenere il lavoro muscolare), fosforo (per i tessuti nervosi), magnesio (che sicuramente può darci più energia), sodio, ferro, calcio zinco, rame e manganese. La farina di castagne è una valida alternativa per chi soffre di intolleranza ed allergia al glutine. Ovviamente i funghi, cioè: selenio, vitamina B3 per il buon funzionamento del sistema nervoso, proteine vegetali e buona fonte di antiossidanti. Hanno sicuramente le caratteristiche per tenere sotto controllo il colesterolo, ma è bene prestare molta attenzione alla scelta della varietà e della provenienza.

È sempre opportuno affidarsi anche ad un esperto per farsi aiutare nel riconoscere quelli sicuri.
Come mangiarli? Di solito, l’abitudine è utilizzarli come condimento della pasta, del riso in piatti che diventano, il più delle volte, molto calorici.
Non è l’unico modo! I funghi sono buonissimi anche in insalata, consumati, se vi va, crudi. Un contorno che diventa sano, saziante e innovativo per molti. Consiglio di provarli, dopo opportuno lavaggio, tagliati a fettine insieme a della verdura cruda (ad esempio, la rucola), un affettato magro (ad esempio, la bresaola), del grana o del parmigiano a scaglie e un filo di olio extravergine di oliva. Ci sta benissimo anche il succo di limone. Ovviamente non fate mancare la vostra porzione di carboidrati (pane integrale, ai cereali, pane alle noci), per avere un pasto completo. Tornano gli agrumi, condite con succo di limone anche i vostri secondi di carne e pesce, preparate una spremuta di arance, pompelmi rosa e giallo. Ricordate sempre che se i sapori sono acidi, per cogliere i benefici di questi frutti, potete trovare l’alternativa, unendo diversi agrumi ad esempio o, perché no, altra frutta! Inoltre, per le arance ad esempio, ci sono delle buonissime ricette, non complicate né richiedenti tempi di preparazione lunghi, che vi consentono di preparare, ad esempio, la classica carne bianca o il classico pesce al forno, scoprendo nuovi sapori. Basta aggiungere le fettine di arancia al secondo piatto che state preparando per avere un risultato innovativo, non solo per cene particolari, ma iniziate ad inserire questo nella vostra ordinarietà.
Il vostro corpo ne gioverà, voi avrete voglia di provare cose nuove, di apprendere da altri all’inizio per idee e ricette, ma poi, avrete voglia di sperimentare e, soprattutto, troverete il tempo di farlo.


pink-ribbon-3715346_1920-1280x853.jpg

4 Ottobre 2019by wp_7534263

Scegliere di prendersi cura di sé stessi significa sicuramente mangiare bene e fare dell’attività fisica, in base alle nostre esigenze, ai nostri scopi, al nostro tempo. Qualcosa che deve essere alla base di tutto questo?

La prevenzione! Senza ombra di dubbio. La LILT (Lega Italiana per la Lotta ai Tumori) è un’associazione che ogni anno organizza controlli e visite gratuite presso la Brest Unit del Goretti di Latina.

Anche la sede di Gaeta è attiva (Via Firenze, n 2), è possibile contattare la sede al numero 0771 187 5820. Una diagnosi precoce, tantissime volte, è l’arma vincente.

In questo caso specifico si tratta di donne, ma tante solo le iniziative che, soprattutto in questo mese, prendono il via. Fare i controlli è solo uno dei passi da fare. La nostra vita, la nostra buona vita, la costruiamo in tutte le cose che facciamo e decidiamo di fare.

Dal mio canto consiglio a tutti un’alimentazione basata sulla dieta mediterranea, perché è la migliore e ci sono tanti studi scientifici che la consigliano, per diversi motivi. Variate con prodotti integrali, preferendo come grassi l’olio extravergine di oliva a crudo e la frutta secca, scegliendo diverse fonti proteiche tra carne e pesce magri, uova. Una malattia di questo tempo, purtroppo, è il consumo degli zuccheri semplici e di prodotti confezionati. Ci sono, invece, ricette semplici e variegate, che non richiedono tempi lunghi, che tutti, quindi, possiamo provare. Bisogna prestare tanta attenzione alle etichette dei prodotti alimentari!

Il trucco? Meno è lunga la lista degli ingredienti, più l’alimento è salutare. Questo vale per i prodotti confezionati, ma anche per quelli che vogliamo preparare! Anche così facciamo prevenzione. Non ci sono nuovi propositi, c’è solo un modo per cambiare, per porsi degli obiettivi e tentare di raggiungerli in ogni cosa. Non si cambia solo a tavola, solo in palestra, solo pensando agli errori fatti e ai risultati non raggiunti o a quelli che si ritengono difficili da raggiungere.

Si decide di cambiare totalmente, un passo alla volta perché il risultato vero è continuare con abitudini sane e durature, con costanza e quotidianità.

Come ogni mese, ecco la lista della spesa: carote, broccoli, cavolfiori, cicoria, finocchi, patate, radicchio e zucca, da gustare come contorni o come condimenti per un primo piatto. Se con l’estate avete tralasciato il consumo di legumi, ora è il momento di riinserirli nel vostro “calendario alimentare”, nella forma che più aggrada a voi e al vostro intestino!

Se avete difficoltà, potete provare delle alternative sulla modalità di cottura degli alimenti, una soluzione si riesce a trovare anche a tavola, anche ai fornelli.

Lucia Testa, nutrizionista

 


Nutritesta-e-Splash-fitness.jpg

27 Settembre 2019by wp_7534263
Il tuo allenamento è direttamente proporzionale alla tua alimentazione…e viceversa!
Questo è il motivo di una collaborazione tra due realtà che vogliono andare nella stessa direzione, motivandoti.
L’obiettivo è migliorare il tuo stile di vita  e la tua performance.
#splashfitness
#nutritesta💡

Direttamente in sede:
 antropometria
 bioimpedenziometria
 allenamento personalizzato
 consigli nutrizionali personalizzati

Per info e tariffe, contattare me 388 32 53 367 o la segreteria di Splash Fitness (orari nella pagina fb)


dottssa-Lucia-Testa-2-1280x960.png

27 Settembre 2019by wp_7534263

Il nono mese dell’anno è quello dei rientri: come gestirlo al meglio?
Imparando a conoscere il vostro corpo e a rispondere alle sue esigenze!

Il rientro dalle vacanze può essere difficile da gestire, essersi concessi periodi di relax lunghi a volte rende la ripresa del ritmo meno gestibile. Ecco perché avere una vita attiva può essere molto di aiuto, in tutto l’anno. Le pause sono necessarie, gli eccessi no, mai. Ora però si riprende a pieno ritmo. Potrebbe sembrare di non avere tempo per dedicarsi bene a se stessi, si rischia di riprendere il peso che si era perso. Le vacanze ci fanno rilassare, ci fanno perdere la quotidianità.
Riprenderla in mano è quello che è necessario fare. A partire dall’alimentazione e dalla consapevolezza del proprio corpo. La bilancia è un primo indicatore, le sensazioni che abbiamo del nostro corpo lo sono ancora di più. Una “dieta detossificante” può rendere le cose più semplici, avere ben chiara la situazione riguardo quello che vogliamo ottenere, i fastidi che vogliamo abbandonare (molte volte può trattarsi di gonfiore addominale, problemi intestinali, pigrizia, tendenza a rimandare l’inizio e la ripresa dell’attività fisica), è di grande aiuto. Ecco perché è necessario conoscersi bene. Conoscere ciò che mangiamo e beviamo ci permette di saper gestire tutto più facilmente. Imparate, pertanto, ad ascoltarvi.
Settembre poi è ancora un mese “goliardico”, ci sono ancora diverse occasioni per agevolare la ripresa delle attività quotidiane. Gli alimenti tipici di questo periodo sono ricchi di benefici e legate a feste tipiche del posto in cui viviamo. L’uva, ad esempio, è l’alimento cardine di questo mese: fresca, secca e trasformata in bevanda. Il frutto contiene, quindi, molti zuccheri – ecco perché è giusto non abusarne – vitamine (A, B, C), tannini e polifenoli. Questi ultimi sono il motivo per cui il frutto dell’uva ha delle ottime proprietà salutari: è indicata per il trattamento di anemia e affaticamento, per artriti e vene varicose, per malattie della pelle. Il vino, derivante dalla fermentazione alcolica del mosto (il succo zuccherino dell’uva) da parte dei lieviti. In moderate quantità, come è inserito nel regime della dieta mediterranea, da sicuramente aiuto al nostro organismo, in termini di prevenzione delle patologie cardiovascolari per il contenuto in antiossidanti, proteggendo i tessuti dei vasi sanguigni. Inoltre nella buccia dell’uva e nel vino prodotto, quello rosso per lo più, c’è il resveratrolo, un altro antiossidante da cui dipendono i diversi benefici di questo prodotto e motivo vero per cui è inserito nella dieta mediterranea. I benefici dell’uva e del vino sono dati anche dai flavonoidi che contribuiscono al potere antiossidante della dieta.
Vi auguro di gustare questo favoloso prodotto della terra, sapendo che, nelle giuste quantità, fate davvero tanto bene al vostro corpo!

Per domande o appuntamenti potete contattarmi al 388.3253367, oppure recarvi a Formia presso la Clinica Casa del Sole, a Cassino, presso la clinica Sant’Anna o a Castelforte, in Via Alcide De Gasperi n.66
Lucia Testa


hero_inner_pages-1280x733.jpg

16 Aprile 2019by La nutrizionista

Comincia a sentirsi l’odore della primavera, possiamo iniziare a gustare qualche frutta e verdura più fresche. Se non avete fatto il pieno di vitamina C, con gli agrumi, il mese scorso, avete ancora tempo: APPROFITTATENE! Potete anche usare insieme mela, kiwi e arance per una gustosa centrifuga, a cui aggiungere dello zenzero per dare quel tocco in più da cui, sicuramente, troverete beneficio.
In questo periodo sicuramente ci saranno di aiuto sali minerali e vitamine da cui attingere l’energia per affrontare il cambio di stagione. La primavera porta con sé un po’ di stanchezza, un po’ di debolezza e dobbiamo farci trovare preparati!

Scrivo sempre della stagionalità dei prodotti, essendo uno dei pilastri più importanti della dieta mediterranea, di cui parlo anche nel mio primo video sul canale youtube “nutritesta. L’importanza della dieta mediterranea è indiscussa, parlarne sempre non è ripetersi, ma fare continua informazione, che si traduce anche in attività di prevenzione. Parlare di stagionalità, ma soprattutto rispettarla è un aiuto al nostro corpo, qualcosa che dobbiamo fare, è davvero una delle prime attività preventive, più semplici, ma ovviamente è anche un mangiare sano e bene, assaporando quel frutto e quella verdura, così come sono.

Perché preferire i prodotti di stagione? Seguono i cicli naturali, questo significa che hanno più sapore, più vitamine, più nutrienti e soprattutto che mangiandoli nel periodo giusto, acquisiremo effettivamente tutto il valore nutrizionale che ognuno di essi ha. Mangiare le fragole a febbraio, oltre ad essere strano, non ci aiuta assolutamente ad avere qualche beneficio, non è nemmeno appagante per il palato. Un altro motivo per cui scegliere i prodotti stagionali è che abbiamo sicurezza sulla loro origine, non hanno conservanti, non subiscono inquinamento e non sono soggetti al trasporto. Ultima motivazione, per questo non meno importante, è un sicuro risparmio economico: il prodotto stagionale, infatti, non ha bisogno di particolari trattamenti, quindi sono assenti i costi di produzione, ecco perché anche le nostre tasche ne sentiranno meno il peso.

Quindi via libera ad agretti, bieta, broccoli, carciofi, finocchi, cavolfiori, cicoria, carote radicchio, spinaci, scarola, arance, kiwi, mele, mandarini, pere, pompelmi. L’alimento principe di questo periodo sono gli asparagi. Oltre che di ottimo sapore, danno la possibilità di essere mangiati in diversi modi, come condimento di un promo piatto, come contorno o come aggiunta di un secondo piatto. Sicuramente versatile, ricco di fibre, ha proprietà antitumorali e antiossidanti, diuretiche, è buono e la sua ricerca si accompagna più che bene ad una passeggiata che ora, con le temperature più calde, non possiamo sicuramente evitare.

In questo 2018 poi festeggiamo l’anno del cibo italiano. Come italiani, abbiamo il dovere di dare importanza ad iniziative simili. Questa occasione oltre che all’aspetto culinario del nostro paese, darà importanza alle opere d’arte di cui il nostro paese è ricchissimo. Si tratta di un’occasione per conoscere i prodotti che la terra ci regala, dare importanza a prodotti con marchi d’origine, imparare a non sottovalutarli.

Per domande o appuntamenti potete contattarmi al 388.3253367, oppure recarvi a Formia presso la Clinica Casa del Sole, a Cassino, presso la clinica Sant’Anna, Sessa Aurunca, presso il Centro Fusco o a Castelforte, in Via Alcide De Gasperi n.66

Lucia Testa

 

 


shjmuyqsrn8-israel-egio-1024x683.jpg

5 Febbraio 2019by La nutrizionista

Siamo a Febbraio, 28 giorni ancora tutti invernali, prima di assaporare gli odori primaverili e gustare altri frutti buonissimi. Il prossimo mese arriveranno allergie e intolleranze, starnuti e quindi, come prevenzione, vi invito a fare il pieno di vitamina C. Riempite il carrello di arance, mandarini, clementine, kiwi per preservare il vostro corpo dai pollini ma anche per sentirvi più forti, svegli, attivi. Cavolfiori, cavoli, porri, patate: ingredienti per un buonissimo minestrone ricco di fibre e vitamine. Un buon passato di verdure per riscaldarci la sera, anche con della pasta o del riso per una cena saziante e che contribuisca ad un sonno tranquillo. Carboidrati la sera? Esatto! Carboidrati la sera! E in questo caso mi riferisco ad un primo piatto di pasta.

Mangiarla la sera non crea danni, anzi, ha i suoi effetti positivi. Si badi bene a prendere queste affermazioni come generali, proprio perché ogni situazione è personale e, appunto, soggettiva.

Quindi mi riferisco ad una situazione generale, una persona che non ha problemi di salute e che può avere sovrappeso. Può essere utile anche inserire un piatto di pasta a cena in una dieta ipocalorica poiché fisiologicamente innalza i livelli di leptina (ormone della sazietà), cioè favorisce un maggior

senso di sazietà e contribuisce ad un sonno ristoratore. Infatti i carboidrati permettono la conversione del triptofano in melatonina (ormone regolatore del ciclo sonno – veglia). Molti infatti si servono di melatonina in pasticche per favorire il riposo delle ore notturne, ma avete mai provato con un bel piatto di pasta? Sicuramente questo va fatto, come ogni cosa, in maniera controllata, bilanciando tutta la giornata nutrizionale in base alle nostre esigenze e i nostri ritmi lavorativi.

Può essere utile preferire un primo piatto a cena se state sempre a pranzo fuori, durante la settimana. Scegliendo quindi di portarvi un’insalata completa con del pane e una fonte proteica (carne arrostita, uova sode, del pesce, degli affettati, del formaggio) alternando sempre tra queste. Poi tornare a casa e mangiare seduti, con calma, masticando per bene, sarà anche più rigenerante. In questo discorso, vi invito, comunque, a limitare (ma anche eliminare) dei dolci a fine cena come anche della frutta, almeno la più zuccherina. Il motivo è evitare un eccessivo carico gli cemico che non solo a chi soffre di diabete, ma a tutti, non fa bene!

Febbraio inoltre è caratterizzato da tanta frutta e verdure con proprietà antiossidanti, tante di queste sono concentrate nella stagione invernale. La frutta secca, i carciofi, cavoletti di Bruxelles, le barbabietole, i melograni. Mirtilli, lamponi, la frutta di bosco. Non “limitatevi” nel provare frutta o verdura nuova, fate invece il contrario. Prendetela e sbizzarritevi con ricette sane, equilibrate, gustosa. Inserite delle spezie perché anche queste, oltre che aiutarvi a limitare il sale da cucina, vi faranno amare nuovi gusti. Il modo migliore, penso, sia iniziare mischiando – a poco a poco – spezie in un brodo vegetale o in un passato di verdure. Un altro consiglio: non fatevi “ingannare” dall’odore, cioè provate ad aggiungere poco alla volta zenzero, curcuma, cumino o altro perché se esagerate,rischiate di avere brutte esperienze e non voler più provare nuovi sapori!

Buon febbraio a voi tutti e prepariamoci alla primavera nel modo giusto!


post_11-1280x800.jpg

16 Gennaio 2019by La nutrizionista

Buone feste passate!!!

Il Natale porta con sé tanta gioia e tante cose buone da magiare, ovunque! Tra mercatini, incontri con i parenti, ritrovi con gli amici, il cibo non manca mai, le tentazioni sono sempre dietro l’angolo.

Per chi sta seguendo un percorso nutrizionale di dimagrimento può non essere stato un periodo facilissimo, ma spero che vi siate regolati tutti, spero che abbiate passato dei giorni sereni e che esservi controllati non vi abbia fatto vivere le feste con amarezza! Questo non dovrebbe mai accadere. La regola principale è vivere il percorso nutrizionale in piena serenità, infatti se questo non succede può capitare di stancarsi prima del previsto o lasciarsi andare o, addirittura, evitare di uscire per non avere tentazioni. Questo è davvero, sbagliato! Qualsiasi siano le motivazioni per cui seguite una restrizione calorica, pensate che può solo farvi del bene, pensate che stare in questo periodo è temporaneo, cercate di imparare il più possibile da un percorso come questo perché questo è l’unico modo per non ritornare al punto di partenza!

Ora via alla messa in forma come buon proposito per il nuovo anno! Ognuno ha i suoi obiettivi, io vi scrivo qualche pratico consiglio su come comportarvi anche se la bilancia vi segna dei Kg in più! Non fate digiuni, perché vi aiutano poco, non fateli se non controllati per lo meno. Evitate insaccati, carne grassa o formaggi grassi, perché hanno molte calorie e, in generale, non tanti nutrienti, aiutano poco il vostro senso di sazietà! Aumentate il consumo di frutta e verdura, ricchi di fibre aggiungete delle tisane alla vostra giornata, vi aiuteranno a diminuire il possibile senso di gonfiore, così come l’eliminazione di cibi ricchi di zuccheri. Aumentare l’introito di frutta e verdura, preferirla negli spuntini è un buon modo per sentirvi davvero bene. Oltre ad arricchire il senso di sazietà, essendo ricchi di fibre, aiutano a riequilibrare l’intestino, ad aumentare la dose giornaliera di acqua che, soprattutto di inverno, facciamo fatica a raggiungere.

Un buonissimo buon proposito? Aggiungere ad una alimentazione sana e controllata della costante attività fisica. Perché? Aiuta a regolare le vostre giornate, a scandire i vostri impegni, a stare meno tempo annoiati, a dormire meglio, aiuta il vostro corpo ad essere più sveglio. E’ sufficiente abbattere la pigrizia, trovare del tempo (che forse possiamo già avere) e se così non è, se ci sembra di non avere tempo, badate bene basterà inserire una mezz’ora nell’arco della giornata e prendere questo come un impegno vero da realizzare. Il movimento è energia e ovviamente aiuta a migliorare la composizione corporea e a perdere peso in maniera giusta, intendo anche dal punto di vista qualitativo. Questo è qualcosa controllabile mediante esame bioimpedenziometrico, che ci dà i valori di massa magra, grassa, acqua totale e molti altri parametri. Muovervi vi darà ancora più motivazione per evitare cibi spazzatura, vi aiuterà a preferire le calorie buone, sane, le calorie vere.

Vi auguro un buon inizio anno e di mettere in pratica, davvero, i vostri buoni propositi !!!


settimana-prevenzione-oncologica.png

5 Ottobre 2018by La nutrizionista

Cambia la lista della spesa: carote, broccoli, cavolfiori, cicoria, finocchi, patate, radicchio e zucca, da gustare come contorni o come condimenti per un primo piatto. In questo secondo caso, non dimenticate di aggiungere alla fonte di carboidrati che scegliete (pasta, riso, farro, miglio, quinoa, orzo o altro) una fonte proteica, a scelta tra pesce, carne o del formaggio, grana o parmigiano, ottimi anche per il fabbisogno giornaliero di Calcio.

E’ così importante assumere calcio, soprattutto andando avanti con l’età, o da piccini, perché le ossa devono sostenerci e noi dobbiamo occuparci di dare il giusto sostentamento. L’alimentazione, in questo senso, è una grandissima arma, scegliere bene cosa comprare e come cucinare è fondamentale.

Ecco subito un modo per gustare una delle verdure più buone di questo mese: la zucca! A fette, grigliata, condita con origano e olio extravergine di oliva a crudo!

Una semplice bontà che può accompagnare un secondo piatto!

Provatela!

Scegliere di prendersi cura di sé stessi significa sicuramente mangiare bene e fare dell’attività fisica,

in base alle nostre esigenze, ai nostri scopi, al nostro tempo. Qualcosa che deve essere alla base di

tutto questo? La prevenzione!

Senza ombra di dubbio. Non c’è mese migliore di Ottobre per tenersi aggiornati sulla propria condizione fisica, controllando con analisi di diverso tipo. In questo “mese rosa”, infatti, tante sono le iniziative, soprattutto per le donne. La LILT (Lega Italiana per la Lotta ai Tumori) è un’associazione che ogni anno organizza controlli e visite gratuite presso la Brest Unit del Goretti

di Latina. Effettuare periodicamente dei check up senologici è di fondamentale importanza. Una diagnosi precoce, tantissime volte, è l’arma vincente. Dal mio canto consiglio a tutti un’alimentazione basata sulla dieta mediterranea, variate con prodotti integrali, preferite l’olio extravergine di oliva a crudo, concedetevi delle tentazione, una volta ogni tanto, mettendo le mani in pasta. Limitate il consumo di zuccheri semplici e di prodotti confezionati. Fate tanta attenzione

alle etichette dei prodotti che comprate, tante volte la dicitura “light” non è così veritiera come sembra. Forse ci sono pochi grassi, ma avete controllato quanti zuccheri semplici ci sono? Leggete.

Perché anche questo è fare prevenzione.

Non solo senologica o dedicata alle donne, ovviamente.

Questo mese è davvero pieno di iniziative gratuite di ogni tipo, è sufficiente informarsi e volersi tanto bene. Non solo a Latina, ma anche nella sede di Gaeta, dove c’è la Delegazione Sud – Pontino della LILT, si effettuano controlli gratuiti di cui è possibile usufruire. Allora avanti!

Prevenire è vivere!

Per domande o appuntamenti potete contattarmi al 388.3253367, oppure recarvi a Formia presso la

Clinica Casa del Sole, a Cassino, presso la clinica Sant’Anna, Sessa Aurunca, presso il Centro Fusco o a Castelforte, in Via Alcide De Gasperi n.66 PT


calcio-1280x835.jpg

29 Luglio 2018by La nutrizionista

Una bellissima iniziativa che può coinvolgere tutti i ragazzi del basso Lazio e l’alto casertano. Con la dirigenza di altissimo livello, in questo territorio che ha tanto da offrire, per me è un onore far parte dello staff tecnico come nutrizionista sportiva. Portare la mia competenza sul campo significa garantire scientificità ed educazione alimentare, che in termini pratici si traduce in completezza nei pasti, importanza dell’idratazione. Il Centro è dedicato a ragazzi che stanno crescendo in tutto, quindi è importante che abbiano diverse figure a cui potersi rivolgere ed ecco perché questo staff tecnico ha una grandissima valenza.

Una bellissima iniziativa che può coinvolgere tutti i ragazzi del basso Lazio e l’alto casertano. Con la dirigenza di altissimo livello, in questo territorio che ha tanto da offrire, per me è un onore far parte dello staff tecnico come nutrizionista sportiva. Portare la mia competenza sul campo significa garantire scientificità ed educazione alimentare, che in termini pratici si traduce in completezza nei pasti, importanza dell’idratazione. Il Centro è dedicato a ragazzi che stanno crescendo in tutto, quindi è importante che abbiano diverse figure a cui potersi rivolgere ed ecco perché questo staff tecnico ha una grandissima valenza.

 

In questa foto sono con Elio De Silvestro. Ho avuto il piacere di seguirlo nella sua alimentazione, è un calciatore che ora gioca nel Gubbio. Per lui una dieta equilibrata e adatta ad affrontare le ore di allenamento e i periodi di pausa.

 

 

 

 

 

 

 

Ho avuto l’onore di conoscere un vero campione di nuoto, uno tra gli sport più completi.
Come diversi pediatri consigliano, è uno sport adatto ai bambini!

Che lo si pratichi a livello agonistico o amatoriale, va affrontato un discorso anche sull’alimentazione. In particolare, nel nuotatore, ha un’attività fondamentale l’apporto idrico.

 

 

 

 


fiore-di-zucca-1280x1285.jpg

17 Luglio 2018by La nutrizionista

Ricchi di acqua e più che adatti ad una bella cena estiva, protagonisti di tante ricette. I fiori di zucca sono ortaggi diuretici e drenanti, ricchi di vitamine (specialmente vitamina A) e Sali minerali. Li possiamo gustare al forno, ripieni con del tonno, o come condimento di un bel primo piatto insieme a del formaggio o della carne macinata.

Sono ipocalorici, 100g di fiori di zucca contengono 12 kcal, ecco perché chi segue una dieta per perdere peso può mangiarli in tutti i modi…riducendo ovviamente la frittura! Un’altra raccomandazione? Consumateli nel periodo in cui crescono naturalmente, dalla primavera all’estate.


Instagram

  • 20 1
  • 17 0
  • 22 0
  • 45 1
  • 28 0
  • 45 0